<

Dedicato a te

Parole – vetri
che infedelmente
rispecchiate il mio cielo -

di voi pensai
dopo il tramonto
in una oscura strada
quando sui ciotoli una vetrata cadde
ed i frantumi a lungo
sparsero in terra lume -

—Antonia Pozzi, Riflessi (via inthemoodtodissolveinthesky)

(via yourvoicekeepsmewarmatnight)

If you want to understand human beings, you need to do more than just watch them. You need to pay attention to what they themselves are watching.

(Fonte: alabastas, via unastoriavera)

Mi piacerebbe chiamarti.
Non ora.
Forse un giorno
tra diec’anni.
Mi piacerebbe sentir quel rumorino nel telefono.
E poi la tua voce.
Che poi diec’anni son tanti
e magari cambieresti voce
ed io non la riconoscerei.
Ti direi tante di quelle cose
ma solo cose belle.
Ti parlerei dei miei capelli cresciuti
delle unghie che ho smesso di mangiare.
Ti parlerei dei luoghi visitati
dei desideri espressi guardando una stella cadere.
Ti parlerei dei libri scritti e cestinati
di quelli conservati.
Ti parlerei dei sogni
del presente che era il futuro che ci spaventava.
Ti racconterei delle foto attaccate alla parete
del rumore della città.
Ti direi che il tempo passa
ma noi no.
Percepirei il tuo sorriso
lo sentirei nascere.
«Perché sei sparita?» ti domanderei.
E solo il tuo silenzio
quel silenzio assordante
sarà la risposta.
E allora ti direi che in dieci anni ha piovuto tanto ed ogni anno mi venivi in mente tu.
Ti direi che il soffitto era bianco
e di notte si riempiva di te.
E non attaccherei,
non poserei quel telefono,
senza dirti
«dieci anni sono tanti ma ti amo come sempre, o forse di più»

inchiostrosullacartaesullapelle (via inchiostrosullacartaesullapelle)

Oh… Una delle cose più belle che abbia mai letto.

(via alicenelpaesedegliorrori)

(via alicenelpaesedegliorrori)

L’infanzia smette ufficialmente quando si aggiunge il primo zero agli anni. Smette ma non succede niente, si sta dentro lo stesso corpo di marmocchio inceppato dalle altre estati, rimescolato dentro e fermo fuori.

—Erri De Luca, I pesci non chiudono gli occhi (via doppisensi)

(via settordiciottembreduemilamai)

Ci sono persone eccezionali che si incontrano nei momenti sbagliati. E ci sono persone che sono eccezionali proprio perché si incontrano nei momenti giusti.

David Foenkinos - La delicatezza (via mariofiorerosso)

(via settordiciottembreduemilamai)